cohousing solidaria ''Cortili Aperti''

Gli spazi esterni del cohousing prendono il nome di "Giardino degli Olmi"; nelle aree verdi vengono conservati storici alberi di Olmo e tralci di vite che come voleva la tardizione di campagna, venivano fatti crescere lungo cavi tesi fra gli alberi, per la produzione del vino.
I fabbricati sono posizionati in circolo fra loro per sottolineare l'importanza del centro geometrico in cui viene creato un orto di biodinamico di cui si prenderanno cura tutti gli abitanti del cohousing; attorno ad esso il progetto prevede nuove piantumazioni di Kaki e ciliegi, alberi fruttiferi di valore tipici del territorio. Sul lato est, vincolato strettamente dall’accesso carrabile al lotto, aree di sosta in ghiaia inerbita ombreggiate da un Populus Nigra quinquagenario e da un Ficus Carica.
Sul lato nord, la strada di distribuzione interna realizzata in terreno stabilizzato a gesso, permette di raggiungere l’antica via alzaia ed un pontile in legno, attracco della Nena, barca che percorre il Po alla scoperta del Paesaggio fluviale.

PAESAGGIO  la stanza C

ANNO  2013

CLIENTE  

LUOGO  Ferrara - IT

altri progetti